Pagine dedicate alla Neurologia per l'aggiornamento dei Colleghi e per informazioni sulle nuove terapie e descrizioni di patologie rivolte in modo comprensibile ai pazienti

                                                                                          Dott. Carlo Sebastiano Tadeo
                                                                                                Specialista Neurologia

Terapia delle Cefalee

 

                           Iscrivetevi alle Newsletter                   

                                             Newsletter  

 

Antinevralgici generici
 
Nome comune Nome commerciale Presentazione

Posologia media

     
   
 
paracetamolo +propifenazone +caffeina Saridon cpr. 250 + 150+50 mg 1 cpr. x 3 o 1 supp. x 2
Antalgil cnf. 225 + 115 + 27,5 mg
supp. 500+350+100 mg
 
ac. acetilsalicilico Aspirina cpr. 0,5 g
 
glafenina Olifan cpr. 0,5 g  
   
butalbital + propifenazone + caffeina Optalidon cnf. 50 + 125 + 25 mg  
supp. 150 t 375 + 75 mg
 
paracetamolo Nevral cpr. 0,4 g
 
aminofenazone Farmidone cpr. 0,25 g supp. 0,5 g
noramidopiridina Novalgina cpr. 0,5 g supp.0,3g
gtt. 50%
 
Impacchi freddi, riposo a letto, al buio
 
N.B. - L'ac. acetalsalicilico trova indicazione nella terapia dell'emicrania vaso-motoria anche per la sua attività antiaggregante piastrinica (analogamente ad altri farmaci con la Stessa proprietà), specie a dosi modiche (120 mg/die). Essa per acetilazione dell'enzima ciclo-ossigenasi inibisce l'aggregazione e la secrezione piastrinica di adenosina fosfato e tromboxano A, serotonina, prostaglandine e vari fattori di permeabilità che potrebbero essere implicati nella patogenesi dell'emicrania vasomotoria.
 
Ergotaminici
Nome generico Nome commerciale Presentazione Posologia media
Categoria
 
Ergotaminici diidroergotamina Diidergot cnf. 1 mg 1 cnf. ripetibile ogni 30-60 min (max 5 cnf./die e 10 cnf./sett)
(derivati dalla segale cornuta)
Seglor 1 cps. x 2/die
 
ergotamina tartrato Ergotan fl. 1 mg 1 fl. ripetibile dopo 1 h i.m.
Gynergen fl.0.25 mg 2 fl. ripetibile dopo 1 h i.m.
fl. 0,5 mg 1 fl. ripetibile dopo 1 h i.m.
 
 
ergotamina + caffeina Cafergot cnf. 1 mg + 100 mg 1-2 cnf. ripetibili ogni 1/2 h (max 5-6 cnf. / die);supp. Idem
 
ergotamina Cafergot PB 2 mg 1 supp. ripetibile dopo 1 h
caffeina + 100mg
belladonna + 0,25 mg
butalbital + 100 mg
 
ergotamina Emigril 12 mg 1-2 cnf./die
caffeina + 100 mg
ciclizina + 50 mg
 
ergotamina Ciclergot 1 mg 1-2 cnf. /die
caffeina + 100 mg
ciclizina + 50 mg
acetofenotidina + 100 mg
 
ergotamina Virdex 0.5 mg 1-2 supp. /die
vit. B1 + 100 mg
caffeina + 100 mg
amidopirazolina + 250 mg
 
lisuride Cuvalit cp. 0,025 mg 2-3 cp./die
 
ergotamina Bellergil 0.3 mg 2-3 cp./die
fenobarbital + 20 mg
alcaloide della +0,1 mg
belladonna
 
MECCANISMO D'AZIONE. Prevalentemente vasocostrittrice per probabile interferenza con sostanze vasoneuroattive, serotonina e suoi recettori in particolare. ASSORBIMENTO. Gastrointestinale, specie per la diidroergotamina, scarso e incompleto anche per la ridotta motilità gastrica durante le crisi; i.m. completo e rapido; rettale solo lievemente meno rapido e completo.
PICCO PLASMATICO. Dopo 2 h. L'associazione con caffeina aumenta velocità di assorbimento e picco.
METABOLISMO epatico. ESCREZIONE per il 90% biliare. EMIVITA PLASMATICA: 2 h.
EFFETTI SECONDARI SPIACEVOLI. Nausea, vomito (nel l0% circa), ipostenia arti inf., dolori muscolari distali, parestesie alle dita: non richiedono sospensione della terapia se non persistenti.
EFFETTI SECONDARI GRAVI. Rari: vasospasmo periferico sino a gangrena delle estremità; angina; infarto miocardico o cerebrale. EFFETTI SECONDARI DA TRATTAMENTO CR. (ergotismo): sonnolenza; depressione; anoressia; senso di freddo alle estremità; esacerbazione dell'emicrania; vomito, diarrea, turbe psichiche di tipo allucinatorio, delirante e stato confusionale.
CONTROINDICAZIONI. Emicrania emiplegica; emicrania preceduta da offuscamento del visus, parestesie gravi; segni d'insuff. del circolo posteriore; insuff. vascolare; gravidanza (per attività ossitocica); insuff. epatica; insuff. renale; 5. di Raynaud; ipertensione grave.
· Aumentano la sensibilità a questi farmaci: febbre, stati settici, epatopatie.
 
Neurolettici
clorpromazina Largactil fl. 50 mg 1-6 fl. in poche ore, sino a 1.000 mg/die
 
VANTAGGIO: unisce all'azione antalgica quella antiemetica per cui può essere associato ad un ergotaminico.
 
isometeptene Octinon cnf. 150 mg 1 cnf. ripetibile ogni 60 min sino a 5 cnf. /die
 
Meno attivo degli ergotaminici, può essere indicato in caso di loro inefficacia o controindicazione. EFFETTI SECONDARI: minori degli ergotaminici.
 
 
 
Antiserotoninergici metisergide Deserril cnf. 1 mg 2 cnf. x 1 /die cnf ogni3-4 gg. sino max. 3-8 cnf./die(preferibil mente con i pasti)
 
MECCANISMO D'AZIONE. Blocco competitivo della serotonina sulla parete vasale diminuita permeabilità  diminuita iperalgesia da serotonina, prostaglandine e chinine plasmatiche trasudate. Inibizione della liberazione di istamina. Stimolazione della serotonina dei neuroni del rafe inibizione dei neuroni stessi diminuzione dell'iperalgesia.
EFFETTI SECONDARI. Nel 50% dei casi: nausea, vomito, crampi muscolari, dolori addominali, parestesie, edemi, aumenti di peso, caduta dei capelli. RARI: eccitazione maniacale, allucinazioni. GRAVI: fibrosi retroperitoneale, pleurica, cardiaca, per trattamenti protratti oltre l'anno; reversibili con la sospensione del trattamento. CONTROINDICAZIONI. Ipertensione, ulcera peptica, insuff. vascolare, insuff. epatica e renale; gravidanza. MISURE COLLATERALI. Sedativi, tranquillanti, propranololo, psicoterapia.
 
Antidepressivi pizotifene Sandomigran cnf. 0,5 mg 1 cnf. x 3/die aumentando triciclici lentamente sino a 3 cnf. x 3/die
 
amitriptilina Adepril cnf. 10-25 mg 10 mg x 3 /die
Laroxil cnf. 10-25 mg Dopo 2 mesi senza crisi sospendere. Riprendere in caso di recidiva
imipramina Tofranil cnf. 25 mg  
nortriptilina Noritren cnf. 10-25 mg
desipramina Nortimil cpr. 10-25 mg
  Triptizol cnf. 10-25 mg x 4 per 1-2 mesi.
 
MECCANISMO D'AZIONE. 1) Inibizione centrale e periferica della reuptake della serotonina e norepinefrina di cui vengono ripristinati quindi i livelli; 2) azione sedativa; 3) azione anticolinergica; 4) azione antistaminica.
EFFETTI SECONDARI.
 
b-bloccanti propranololo Inderal cpr. 40 mg 1-2 cpr./die aumentando sino a 6 cpr./die
 
 
MECCANISMO D AZIONE (probabile): attenuazione della vasodilatazione dei vasi ricchi di adrenorecettori beta, particolarmente abbondanti nel territorio carotideo esterno.
Dopo qualche mese senza attacchi sospendere terapia. Se recidiva, riprendere a dosaggi più bassi (30-60 mg/die).
EFFETTI COLLATERALI E CONTROINDICAZIONI. Asma bronchiale, disturbi della conduzione A-V, ipotensione ortostatica, I-MAO, diabetici in trattamento con insulina.
EFFICACIA. Riduzione di più del 50% della frequenza degli attacchi nel 30-82% dei Pz. in terapia profilattica. Solo in una minoranza di casi si ha la remissione completa. Invariati i sintomi prodromici ma seguiti da cefalea meno intensa.
 
Calcioantagonisti
 
Flunarizina Sibelium cpr. 5-10 mg 5-10mg
Verapamil Isoptin cnf. 40-80 mg 120-160mg
Nimodipina Nimotop cpr. 30 mg 90 mg
Periplum cpr. 30 mg 90 mg
 
Stabilizzatori
 
Litio carbonato Carbolitium 300 mg 2-3 cp/die
 
 

            

Spazio pubblicitario libero

 

Inviare a tadeo@ilneurologo.com un messaggio di posta elettronica contenente domande o commenti su questo sito Web.
Aggiornato il: 30 January 2000