Pagine dedicate alla Neurologia per l'aggiornamento dei Colleghi e per informazioni sulle nuove terapie e descrizioni di patologie rivolte in modo comprensibile ai pazienti

                                                                                          Dott. Carlo Sebastiano Tadeo
                                                                                                Specialista Neurologia

Alzheimer

 

                           Iscrivetevi alle Newsletter                   

                                             Newsletter  

 

 

 Novità dai principali congressi e pubblicazioni scientifiche 

Journals neurology

Per prenotare una visita neurologica

Servizio Traduzione

Medline

Congressi e convegni

Malattie neurologiche

Ictus
Sclerosi Multipla
Alzheimer
Parkinson
Neuropatie ereditarie
Cefalee

 

 

Pubblicità e links utili

 

We subscribe to the HONcode principles of the HON Foundation. Click to verify. We subscribe to the HONcode principles. Verify here.

 

 

www.ilneurologo.com - Candidato al Premio Web Italia 2003

Quando il cervello invecchia

 

Se esiste un organo del nostro corpo dove risiede l’anima, quello è il cervello

 

Questo articolo non ha delle pretese metafisiche e non vuole certo dimostrare con argomentazioni filosofiche quale sia la “casa” dell’anima o se esista una “casa” dell’anima.

Di certo, se l’anima non invecchia, il nostro cervello, purtroppo, è soggetto a subire i segni del tempo, come il cuore od il fegato.

Nell’era dei trapianti potremmo pensare che un giorno sarà possibile eseguire dei trapianti di cervello, di una parte o dell’intero cervello.

Attualmente la Costituzione italiana impedisce trapianti di tessuto cerebrale, ma questo perché?

Ci sono due ragioni importanti. La prima è che per trapiantare del tessuto vivo di cervello ad un “ricevente” vuol dire che il “donatore” aveva del tessuto cerebrale “non morto” e questo è in contraddizione con la legislatura vigente che prevede la morte cerebrale. La seconda ragione è che noi siamo il nostro cervello. Sono stati fatti degli esperimenti incredibili su animali, con risultati da film del orrore. Trapiantando alcune parti di cervello è stato possibile verificare che anche alcuni comportamenti istintivi venivano trapiantati da un animale all’altro.

L’aspettativa di vita si sta via via allungando e per questo le malattie legate all’invecchiamento stanno diventando socialmente sempre più importanti.

Durante l’invecchiamento il cervello è particolarmente suscettibile a malattie che portano ad uno sconvolgimento delle sue capacità (saper fare i conti, parlare correttamente, disegnare, trovare la strada di casa, vestirsi, cucinare, ricordare).

Molte diverse malattie possono portare ad un decadimento cognitivo progressivo (demenza).

E’ compito del neurologo riconoscere il tipo di patologia poiché esistono forme reversibili con cure appropriate.

Cause reversibili di demenza

Cause psichiatriche

Depressione

Cause infettive

Meningiti croniche

AIDS

Sifilide

Ascessi cerebrali

Carenza di vitamina B12, C, acido folico, disturbi della tiroide

Intossicazioni da farmaci o sostanze tossiche.

 

Purtroppo sono circa il 10% delle demenze dell’anziano sono reversibili, l’altro 90% di pazienti va incontro ad un peggioramento più o meno veloce.

Le demenze irreversibili sono rappresentate dalla Malattia di Alzheimer, la Demenza vascolare, le demenze fronto-temporali e più raramente da altre forme.

Si capisce quanto sia difficile capire perché il cervello ad un certo momento non lavori più bene.

E’ essenziale andare in un  centro specializzato in questo tipo di malattie per noi stessi e per le persone con cui viviamo, subito, ai primi sintomi, prima che sia troppo tardi.

Rispondo a domande che ricorrono frequentemente.

Ho 60 mi sento in forma ed ho paura della malattia di Alzheimer, cosa posso fare?

Risposta: Deve trattare il suo cervello come se fosse un muscolo , rimanere in attivita’  leggere dei buoni libri ,essere inserita nella societa’ il piu’ a lungo possibile e’ il migliore antidoto contro questa malattia.

Ho 70 anni qualche volta non mi ricordo dove ho lasciato gli occhiali oppure altre volte non mi vengono in mente delle parole per non parlare dei nomi di persone o luoghi.

Risposta : la maggior parte delle demenze esordiscono con dei disturbi della memoria per questo e’ prudente farsi visitare in centri specializzati ; comunque esiste una forma chiamata smemoratezza senile benigna che sta ad indicare una perdita di memoria lieve che peggiora molto lentamente  ne soffre circa il 10% delle persone oltre i 65 anni. Solo una piccola parte di queste persone vanno incontro ad un decadimento grave.

Quali sono gli esami ai quali sarei sottoposta se venissi in un centro specializzato?

Risposta: prima di tutto e’ importante conoscere la storia del paziente ;quali sono stati i primi sintomi , da quanto tempo sono presenti , se ci sono state altre malattie .

Subito dopo viene eseguito un esame neurologico con una prima valutazione delle funzione cognitive con un questionario.

Poi il paziente viene invitato ad eseguire alcuni esami del sangue una TAC dell’encefalo (cervello ) ed una valutazione neuropsicologica approfondita (vari questionari) .

A questo punto siamo in possesso di tutti gli elementi necessari per formulare una diagnosi.

Mia madre era ammalata d’Alzheimer quante probabilità ho di ammalarmi della stessa malattia?  

La demenza è una malattia ereditaria ?

Risposta: solo 1% delle demenze hanno un carattere ereditario e di solito colpiscono le persone giovani . Esiste una  generica suscettibilità familiare per cui se si hanno dei  parenti “dementi “ si è solo genericamente più facilmente esposti alla malattia.

Ho 65 anni e sono in menopausa da 10 anni il cerotto d’estrogeni mi fa bene?

Risposta: certamente la terapia sostitutiva d’estrogeni si e’ dimostrata efficace nella prevenzione delle malattie dementigene  anche se ulteriori studi su larga scala devono confermare questi dati .

Esistono delle terapie efficaci per curare la malattia d’Alzheimer?

Risposta: attualmente non esistono cure per fermare i processi di degenerazione che stanno alla base della malattia. Recentemente sono entrate in commercio dei farmaci come Aricept, Memac5 , Exelon , molto costosi che rallentano i sintomi della malattia .Tali medicine necessitano chiaramente di prescrizione specialistiche.

Ho un parente con la malattia Alzheimer, posso richiedere un risarcimento per l’accompagnamento?

Risposta: una volta in possesso di una diagnosi emessa da un centro specializzato è possibile fare domanda d’accompagnamento. Esiste l’associazione Alzheimer Italia che è in grado di consigliarvi per tutti gli aspetti legali e di sostegno sociale.

 

            

Spazio pubblicitario libero

 

Inviare a tadeo@ilneurologo.com un messaggio di posta elettronica contenente domande o commenti su questo sito Web.
Aggiornato il: 08 May 2001